Hiltl e Tibits

L’Hiltl (Sihlstrasse 28) è di certo il più antico ristorante vegetariano di Zurigo. Inaugurato nel 1898, è ancora oggi gestito dalla stessa famiglia ed è uno dei più celebri ristoranti vegetariani di Zurigo. Il cibo vegano e vegetariano è di alta qualità, così come la scelta di birre e vini. L’Hiltl è aperto a colazione, con un maestoso buffet nei giorni infrasettimanali e un buffet e piatti à la carte tutto il giorno, mentre la domenica offre il classico brunch. Apprezzato da una clientela raffinata e famosa, l’Hiltl è diventato molto famoso. Per prenotare un tavolo potete chiamare il numero 044 227 70 00. L’Hiltl ha anche una scuola di cucina ed ha pubblicato un libro sulla cucina vegetariana.

L’Hiltl è anche uno dei proprietari della catena di caffè e ristoranti vegetariani Tibits. Situato sulla Seefeldstrasse 2, il Tibits offre piatti vegetariani e vegani, insalate, stuzzichini, succhi di frutta fresca, caffè e altre bevande. Potete scegliere tra un’ampia gamma di piatti da consumare sul posto o da portare via, scegliendo dal buffet self-service pagando a peso. La qualità e la scelta del cibo è eccellente.

Proprietà della spirulina

Habitat della spirulina:

Presenti nelle acque alcaline e calme del lago Texcoco in Messico (la S.maxima era già nota e coltivata dagli Aztechi più di 500 anni fa) e del lago Ciad nell’Africa centrale (S.platensis) vengono diffusamente utilizzate per scopi medicinali ed alimentari.

Presso la popolazione Kanembu del Ciad e Nigeria viene raccolta dal lago Kossorom (Ciad), filtrata ed essiccata (dihè) per essere variamente utilizzata in forme culinarie tra cui la souce, una sorta di brodo vegetale molto nutriente frammisto a carne o pesce o miglio o fagioli.

Composizione e Proprietà della spirulina

Il tallo essiccato della Spirulina contiene le seguenti sostanze fitonutritive.

  • Proteine ad alto valore biologico (65%).
  • Carboidrati (fra cui il ramnosio che favorisce il metabolismo del glucosio); fibra.
  • Vitamine idrosolubili (B1, B2, B3, B6, B9, B12, biotina, ac.pantotenico, inositolo) e vitamine liposolubili (A, D, alfa-tocoferolo, K).
  • Amminoacidi essenziali e non essenziali.
  • Acidi grassi essenziali (ac.linolenico ed alfa-linolenico), ac.gamma-linolenico (GLA).
  • Sali minerali (Ca, K, P, Na, Mg, S, Cl, Fe, Zn, Mn, Cu, Co, Ni, Mo, Cr).
  • Pigmenti quali clorofille, ficocianine, caroteni e xantofille (mixoxantofilla, zeaxantina, criptoxantina, echinenone).

Proprietà attribuite alla Spirulina

  • Integrative nutrizionali, antianemiche, tonificanti e ricostituenti generali
  • Detossicanti, antiossidanti, antiradicaliche. Antivirali.
  • Immunostimolanti.
  • Ipolipemiche; epatoprotettive.
  • Antinfiammatorie.
  • Vasodilatatrici; anticoagulanti.

Attività integrative nutrizionali, antianemiche, ricostituenti generali della spirulina

La Spirulina risulta utile nelle diete ipocaloriche per l’elevato apporto nutritivo associato al basso contributo calorico (390 Cal per 100 g di prodotto secco).

Contribuisce pertanto a colmare il depauperamento nutritivo tipico delle diete dimagranti o squilibrate.

La presenza dell’aminoacido essenziale fenilalanina (3%) in grado di agire sul centro nervoso dell’appetito riducendo gli stimoli della fame, facilita il controllo comportamentale nelle diete ipocaloriche determinando una sensazione di sazietà.

In tal caso si consiglia l’assunzione almeno 30 minuti prima dei pasti principali.

Risulta preziosa la presenza di vit.B12 soprattutto per chi segue diete rigorosamente vegetariane, anche se il predominante cobamide è rappresentato da pseudovitamina B12.

La Spirulina risulta particolarmente utile nella supplementazione fitonutrizionale dello sportivo, garantendo lo specifico apporto di vitamine ergogeniche, minerali favorenti il metabolismo energetico, amminoacidi a catena ramificata (leucina, isoleucina e valina), amminoacidi essenziali e non, proteine ad alto Valore Biologico per la presenza in aminoacidi essenziali, sostanze antiossidanti, carnitina e creatina (fondamentali per i processi energetici e sintetizzate nell’organismo a partire rispettivamente dagli amminoacidi lisina e metionina nonché dalla arginina, glicina e metionina).

La ricchezza nei principi nutritivi giustifica le proprietà tonificanti e ricostituenti.

La presenza del Fe (in forma biochelata facilmente biodisponibile) e degli aminoacidi essenziali facilita la sintesi dell’emoglobina e quindi dei globuli rossi prevenendo o riducendo forme anemiche.

L’integrazione risulta particolarmente significativa nelle donne in gravidanza e durante la convalescenza.

Attività della spirulina contro lo stress psico-fisico (attività antiossidante, antiradicalica)

In caso di stress psico-fisico, l’organismo richiede un sovrautilizzo di nutrienti antiossidanti dotati di proprietà radical scavenger.

Nella Spirulina risulta particolarmente utile l’elevata presenza di ficocianine per le quali è documentata in vivo ed in vitro un’attività protettiva antiossidante contro i radicali perossili.

Le proprietà antiossidanti della Spirulina sono inoltre attribuibili alla clorofillina derivato della clorofilla, alla ficocianobilina, ai caroteni, alle xantofille, alla cisteina e metionina, alle vitamine A ed E, allo zinco ed al manganese.

Attività immunostimolante, antivirale della sprirulina

La Spirulina esercita proprietà immunologiche ed antivirali. L’acido cis-linoleico (LA) e l’acido gamma-linolenico (GLA) attivano la produzione di prostaglandine della serie 1 (PGE1) dalle proprietà proimmunitarie, antinfiammatorie, vasodilatatrici ed antiaggreganti piastriniche.

La presenza dei beta-glucani nella Spirulina potrebbe favorire la stimolazione del sistema immunitario con potenziamento delle difese organiche per incremento dei linfociti e dei macrofagi.

Effetti immunostimolanti sono attribuiti inoltre alle ficocianine. Studi su animali hanno documentato una corrispondenza tra assunzioni alimentari di Spirulina platensis ed innalzamento dell’attività dei fagociti macrofagi e della produzione di ossido nitrico (NO), ipotizzando quindi un potenziale ruolo immunoprotettivo.

L’NO agisce come un messaggero fisiologico intracellulare in grado di stimolare l’attività fagocitaria della cellula.

Somministrazioni di estratti acquosi di S.platensis nell’uomo attivano nel 50% dei soggetti il sistema immunitario attraverso un aumento della produzione di interferone gamma e dell’attività citolitica delle cellule Natural Killer (NK).

Attività antinfiammatoria, epatoprotettiva, ipolipemica, anticlastogenica

Le proprietà epatoprotettive, antinfiammatorie ed antiartritiche attribuite alle ficocianine potrebbero in parte essere sostenute dall’attività radical scavenger, dall’azione inibente nei confronti della perossidazione lipidica e della cicloossigenasi-2, da effetti inibitori dose-dipendente nei confronti della produzione di prostaglandine-E2 (PGE2).

Gli estratti acquosi di Spirulina maxima (100 e 500 mg/ml) evidenziano attività anticlastogenica proteggendo da danni genotossici indotti.

Somministrazioni dietetiche di Spirulina per 4 settimane contribuiscono ad impedire la formazione di steatosi epatica in topi con diabete indotto.

Altre attività della sprirulina

Gli estratti di Spirulina maxima incrementano nei ratti la sintesi ed il rilascio di ossido nitrico (NO) dalle cellule della muscolatura liscia vasale, attivando quindi il rilassamento della cellula muscolare con dilatazione del vaso sanguigno.

Lo spirulano calcio (Ca-SP) favorisce un’azione antitrombina con meccanismo simile a quello del cofattore eparinico II.

Gli effetti vasodilatatori ed anticoagulanti ipotizzano ruoli preventivi per alcune patologie vascolari obliteranti.

Indicazioni d’uso alga spirulina

L’alga trova indicazione come efficace e sicuro integratore nutrizionale nelle seguenti indicazioni.

  • Attività sportiva (completa l’apporto nutritivo richiesto dal sovrautilizzo nutrizionale ed energetico prevenendo perdite nella massa muscolare).
  • Stress psico-fisico o situazioni debilitanti.
  • Alimentazione vegetariana e vegetaliana.
  • Alimentazioni ipocaloriche o squilibrate.

 

Le leggi della natura

Le leggi della natura sono molto sottili  e vengono applicate molto diligentemente, anche se la gente le ignora. Esistono leggi che affermano perfino la responsabilità dell’uccisione di una formica. Poiché non siamo in grado di creare, non abbiamo il diritto di uccidere alcun essere vivente; perciò le leggi formulate dagli uomini che fanno distinzione tra  l’uccisione di un uomo e l’uccisione di un animale, sono imperfette. Ma se ci sono delle imperfezioni nelle leggi fatte dall’uomo, non ci possono essere difetti in quelle fatte da Dio. Secondo le leggi di Dio l’uccisione di animali è condannabile quanto quella di un uomo. Coloro che fanno distinzione fra questi due crimini stanno architettando le loro leggi in base ai propri comodi. Perfino nei 10 comandamenti è detto: “non uccidere”. Questa legge è perfetta, ma speculando e discriminando, gli uomini ne danno un interpretazione distorta. “Non devo uccidere gli uomini ma posso uccidere gli animali”.  In tal modo la gente inganna se stessa ed è causa di sofferenza per se e per gli altri. Ad ogni modo, le leggi di Dio non giustificano un simile comportamento.

Patrizia Vaier

da Il Dono più Prezioso

Sua divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada

Formaggi senza caglio animale in vendita nella grande distribuzione

Da http://www.faraveg.org

(aggiornato al 14 maggio 2010)

PER PRODUTTORE / MARCHIO

GRANAROLO: mozzarella 125 g in busta (telefonata al servizio clienti e ingredienti); bustone da 3 mozzarelle da 100 g, mascarpone, formaggio fresco Piacere Leggero (sul sito Granarolo si parla erroneamente di caglio animale, ma il dato è stato smentito dal servizio clienti in una mail girata da Silvia), mascarpone, ricotta “Prima natura Bio”, fatta con siero non proveniente da lavorazione di formaggi con caglio animale (mail servizio clienti girate da Alessia e Silvia; grazie mille ad entrambe!);

OSELLA: linea, primo sale, primulo, cestella, bergera, ravigiolo, toma bianca (servizio clienti); la lista è indicativa: il 21/11/08 contatto Osella per sapere dell’Alpino e mi dicono che l’azienda utilizza questo sistema: se c’è scritto “caglio” tra gli ingredienti è animale, in caso contrario è microbico; dato confermato a Cameron (11/2009);

CAMOSCIO D’ORO: Camoscio d’oro forme (venduta al banco da taglio; la confezione da 200 g invece ha caglio animale; mail girata da Cameron-11/2009), Camoscio d’oro fette 150 g e Camoscio d’oro porzione 150 g ricavata dalla forma (da mail azienda; confermato a Cameron 11/2009); attenzione alle varianti, come quella “capra” in cui c’è gelatina (se trovate “gelatina tra gli ingredienti dovrebbe essere animale); Aperifresco mediterraneo e provenzale (assenza di caglio tra gli ingredienti); ha caglio animale il Caprice de dieux;

MILBONA: feta (ingredienti in spagnolo; ha invece caglio animale la feta salakis, da lista francese, e la feta Eridanous, da servizio clienti lidl); Hirtenkase (“cuajo microbiológico”); Greek Style Salad Cheese (“cuajo microbiológico”); Emmental (ingredienti); Käse Aufschnitt, comprendente fette di Edamer, Tilsiter e Emmentaler (“caglio microbico” negli ingredienti); credo sia ragionevole supporre che abbiano caglio microbico anche Edamer, Tilsiter ed Emmentaler confezionati singolarmente;

KRAFT: Philadelphia (cagliato con carragenina), Lindemberger e fette “buone da mordere”; tutti i formaggi in cui non figura caglio tra gli ingredienti (telefonata al servizio clienti di Cameron 11/2009);

ALIVAL: hanno caglio animale tutti i DOP, STG, i pecorini e le caciotte; hanno caglio microbico tutti gli altri formaggi (da mail azienda);

MANDARA: tutte le paste filate hanno caglio animale (mail azienda; ma sono in attesa di alcuni chiarimenti);

INVERNIZZI: mozarì in busta (da lettera azienda, in cui si indicavano anche tutte le altre mozzarelle, sulle quali ho però dei dubbi, dato che mi danno allergia; tra l’altro sulle mozarì in busta non c’è scritto caglio, sulle altre varietà invece sì; sarebbe da chiarire);

FRANCIA: hanno caglio animale la mozzarella di bufala e la Zarina; hanno caglio microbico tutti gli altri prodotti (da mail azienda girata da Alessia; grazie Alessia!!!);

BEL: hanno caglio microbico non ogm tutti i formaggi a marchio LEERDAMMER, BABYBEL, SYRTOS e CANTADOU (mail girata da Cameron 11/2009);

LOVILIO: Ciliegine (no mozzarella e mozzarella per pizza; mail servizio clienti lidl); mozzarella grattuggiata (da ingredienti; segnalata da Silvia; grazie! invito però a controllare di volta in volta gli ingredienti, perché temo che la mozzarella grattuggiata sia fatta con avanzi e che la composizione possa cambiare di lotto in lotto; quella segnalata da Silvia è prodotta in Germania come le ciliegine);

WESTLAND: “Trenta”, a base di latte e olio di mais (ingredienti); interessante perché ha quasi il 20% di olio di mais al posto del latte;

FROMAGERIE GUILLOTEAU: Pavé d’Affinois, Pavé d’Affinois Chèvre (capra), Pavé d’Affinois Brebis (pecora), Fromager d’Affinois Mini Valromey, Fromager d’Affinois Le Brin (ingredienti in francese: “coagulant”; l'”annatto”, il colorante rosso nel Le brin, dovrebbe essere di origine vegetale);

ENTREMONT: Emmental francais (anche light, fette, Break), Edamer, Gouda, “Idea per gratin” e “Idea per insalate” (“coagulant” negli ingredienti);

SOIGNON: formaggio di capra Sainte Maure 200g (lista francese);

GOLDSTEIG-CAMMINO D’ORO: Mozzarella, Emmental, Mascarpone, Ricotta, ha invece caglio animale il Camembert (mail girata da Cameron 11/2009);

PER PRODOTTO

MOZZARELLA: Cammino d’Oro in busta (“caglio microbico”; confermato per mail a Cameron 11/2009); vedi sopra per Granarolo, Invernizzi, Francia, Alival, Mandara, Lovilio; sotto per Pettinicchio, Galbani, Alma Verde, Coop e Carrefour; Mozzarella light Linessa (“caglio microbico”);

GRANA: Desiderio con latte di bufala e caglio vegetale della Mauer (grazie Alessia), si trova nei supermercati Metro; purtroppo pare che l’Unigrana non produca più la versione vegetariana;

BRIE/CAMEMBERT: Reverend, Chambrie, Paysan Breton (ingredienti e/o lista sul sito vegetariano francese); Cantorel di Fromages de France (al taglio; ingredienti); ha caglio animale il brie president (lista francese); vedi sopra per il Camoscio d’Oro; Camembert Prestige (“non-animal rennet”); brie Carrefour (“caglio fungino”); brie Savori di Les Fromageries Occitanes (“enzima microbica”);

EMMENTAL: Leerdammer (da ingredienti), Entremont emmental francais, President, Carrefour, Rippoz (lista francese); Milbona (ingredienti); Emmental Français Reybier (“coagulant”); Cammino d’Oro-Goldsteig (mail girata da Cameron 11/2009);

EDAMER: Entremont (ingredienti); Milbona (ingredienti; ma vedi sopra, sotto “Milbona”);

GOUDA: Entremont (ingredienti);

SCAMORZA: Primo Prato (mail servizio clienti lidl);

FORMAGGI FRESCHI-SPALMABILI: Philadelphia (cagliato con carragenina); Formaggio Fresco Alpina (“addensanti: farina di semi di carrube e carragenina”); Bacio di mamma mucca Carioni (assenza confermata per mail dal titolare dell’azienda, che ha risposto esaurientemente alla mia richiesta di informazioni in tempi rapidissimi); Fresco Tenero Galbani, sia panetto che vasetto (ingredienti: addensante alginato di sodio; assenza di caglio confermata dal servizio clienti telefonico); Kingfrais cottage cheese; Crefée alle erbe e alle olive (mail servizio clienti lidl); Aperifresco Camoscio d’Oro provenzale e mediterraneo (assenza di caglio negli ingredienti; già segnalato da Alessia); formaggio fresco “Piacere leggero” Granarolo (mail servizio clienti girate da Silvia e Alessia);

CACIOTTA: Caciotta Vegetariana Faggiola Agricoop (“coagulante microbico”; grazie a Misscorinna per il nome dell’azienda, che avevo dimenticato di indicare… );

RICOTTA: la ricotta “Prima natura Bio” Granarolo è fatta con siero non proveniente da lavorazione di formaggi con caglio animale (mail servizio clienti girata da Silvia)

PER CATENE DI PUNTI VENDITA (propri marchi)

COOP: tutte le mozzarelle Coop (Bio-logici, Vivere Verde e quelle normali), comprese quelle per la pizza (telefonata di Matteo al servizio clienti del 5/02/2010; mi è stato confermato via mail il 19/03/2010);

LIDL: Emmental francais rapé, portion e Gruyere de france comté marca Etoile d’or (mail lidl riportata in sito islamico francese); Mozzarella grattuggiata Lovilio (da ingredienti; segnalato da Silvia); Mozzarella light Linessa (“caglio microbico”); Ziegenkäse Portugal (assenza di caglio negli ingredienti: da verificare); il 17-04-2009 il servizio clienti lidl mi indica via mail (in un commento la lista completa) l’origine microbica del caglio di questi formaggi: Primo Prato Scamorza (no formaggio a pasta filata); Kingfrais cottage cheese; Crefée alle erbe e alle olive; Ciliegine Lovilio (no mozzarella e mozzarella per pizza);

CARREFOUR: Brie (“caglio fungino”); Emmental (“coagulant”);

Elenco aziende cruelty free

ITA

Camminaleggero
EFG Shoes
iVegan
Le Scarpe di Linus
Progetto Gaia

EU

Cyclus
Demano
Freitag
Helunanetti
Muso Koroni
NAE Vegan
NOAH Shoes
Reversible
Roots of Compassion
Vegan Basics
UK

Alternative Stores
Animal Aid Shop
Beyond Skin
Bourgeois Bohème
Ethical Wares
Feelgood Handbags
Freerangers
Ipanema Flip Flops
Jinga Shoes
Matt&Nat
Neon Collective
Shop Vegan
Vegan Health & Beauty

Il vegetarianesimo non è una moda

L’occidente apre al vegetarianesimo laico e non settario, motivazioni differenti spingono una moltitudine di persone a  cambiare alimentazione, nascono ristoranti, negozi di alimentari esclusivamente provenienti da vegetali e la nuova medicina si avvicina alla consapevolezza.
Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti più del 90% della produzione di grano in America è destinato all’alimentazione degli animali da macello. Un altro dato importante e significativo è che da sedici chili di grano si ricava un solo chilo di carne bovina. Tutto questo dimostra lo spreco di risorse necessarie per mantenere gli allevamenti intensivi. Produrre più carne significa avere meno cereali per sfamare chi vive nei paesi in via di sviluppo, senza trascurare il problema dell’inquinamento poiché per ottenere proteine animali è necessaria energia dieci volte di più di quella che occorre per ottenere lo stesso tanto di proteine vegetali. Uno studio rivela che se i terreni coltivabili della terra venissero usati per produrre cibo vegetariano ci sarebbe cibo per sfamare l’intero pianeta. Tutto questo si sa fin dall’antichità,  da Pitagora a Leonardo da Vinci, da Rousseau a Benjiamin Franklin, a Shelley e Tolstoi , furono tanti i grandi nella storia a scegliere una dieta vegetariana, anche Socrate promuoveva l’alimentazione ideale per gli uomini nella città del futuro: focacce di frumento e orzo con olive, formaggio di capra, legumi e dolcetti di fichi.
Nel mondo occidentale la popolazione ha superato  abbondantemente il limite di assunzione di proteine animali in base a quanto riportato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità causando seri danni alla salute, le proteine diventano scorie pericolose per i nostri reni, la fonte primaria di energia per il nostro organismo è costituita dai carboidrati. Coloro che seguono una dieta vegetariana con un’alimentazione equilibrata hanno un fisico potente ed una mente lucida. Nel mondo sportivo abbiamo nomi eccellenti di atleti vegetariani. Chi assume alimenti vegetali è molto meno esposto a malattie cardiovascolari, a tumori, ipertensione e diabete. Gli animali negli allevamenti vivono condizioni di vita assurde e gli vengono somministrati medicinali fin dalla nascita, come antibiotici per combattere i problemi causati dallo scarso igiene e ormoni della crescita che poi finiscono nel nostro corpo. A questi veleni si sommano le sostanze nocive naturali che si sprigionano durante la macellazione e che sono un sintomo fisico della sofferenza dell’animale e dell’effetto che questa ha su di noi, se ce ne cibiamo.  L’industria della carne e quella farmacologica guadagnano migliaia di miliardi l’anno con la loro collaborazione e queste cifre esorbitanti fanno passare in secondo piano la pericolosità dei loro prodotti sulla nostra salute. Secondo molti studiosi l’uomo per le sue caratteristiche fisiologiche affini a quelle delle scimmie e parecchio diverse da quelle degli animali carnivori, non è onnivoro ma frugivoro cioè predisposto ad un’alimentazione a base di frutti e semi.
Negli ultimi anni  l’occidente ha riscoperto il piacere ed il beneficio di un’alimentazione che esclude i cibi di provenienza animale come le carni. Molti movimenti sono nati per favorire il vegetarianesimo, anche per ragioni di etica, non mangiare carne non è soltanto una questione di salute ma una questione d’amore: per gli animali, per la natura, per ogni essere vivente.
Non è possibile restare indifferenti alle barbarie subite dagli animali per soddisfare un bisogno non primario e né vitale per il genere umano.

Patrizia Vaier