Green Hill si vuole pulire la faccia ma non cancella il terrore dei cani

dariavegan

Green Hill si vuole pulire la faccia, ma non cancella il terrore dei cani

da fermaregreehill.net

Le telecamere di una rete locale bresciana e i giornalisti di un noto quotidiano sono stati invitati ad entrare dentro Green Hill. La dirigenza francese apre le porte del lager per mostrare quanto sono orgogliosi del loro lavoro e come loro non abbiano nulla da nascondere. Ovviamente è solo una mossa tattica. Di fronte ad una crescente pressione e una crescente conoscenza dell’orrore di Montichiari in tutta Italia, i dirigenti dell’azienda si sono sentiti in dovere di difendersi e cercare di mostrare l’ineccepibile pulizia dei capannoni e lo stato di salute dei cani. Peccato che tutti quei cuccioletti siano destinati a morire tra atroci sofferenze. Un inutile e disperato tentativo di rifarsi la faccia.

Uno dei manager di Green Hill, il francese Bernard Gotti, ha accompagnato le telecamere di Teletutto e i giornalisti del…

View original post 607 altre parole

Biscotti allo zenzero

Suggerito dall’amica Sofia Riccaboni

http://www.greenme.it

Ingredienti (dosi per 4 persone)

  • 250g di farina integrale
  • 2 cucchiai di cacao
  • ¾ cucchiaino di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • 150g di burro
  • 2 cucchiaini di zenzero tritato
  • ½ cucchiaino di chiodi di garofano
  • ½ cucchiaino di noce moscata
  • 100g di zucchero di canna
  • 25g di miele
  • 1 uovo
  • zucchero a velo

Preparazione

Prima di iniziare ad impastare, setacciamo la farina, il cacao, il lievito ed in sale in una ciotola. Sbattiamo l’uovo aggiungendo lo zucchero e versiamo il tutto nella ciotola. Mescoliamo bene. Successivamente in una pentola, a fuoco basso, facciamo scogliere il burro con le spezie e aggiungiamo il miele. Togliamo dal fuoco e lasciamo raffreddare per qualche minuto.

Appena il burro si è leggermente raffreddato lo uniamo alla farina e gli altri ingredienti nella ciotola. Mescoliamo molto bene, dopo aver amalgamato il tutto, travasiamo l’impasto su un piano di appoggio. Impastiamo a mano fino ad ottenere una morbida pasta liscia.

Lasciamo riposare in frigo per una mezz’ora. Trascorso il tempo necessario, stendiamo la pasta con un matterello, fino ad ottenere uno strato di almeno 1 cm.

Ora con l’aiuto di stampini per dolci (forme natalizie sarebbero perfette) iniziamo a tagliare i biscotti (in alternativa si possono utilizzare bicchieri o tazzine).

Nel frattempo facciamo riscaldare il forno a 180°, e quando è bel caldo inforniamo i nostri biscotti allo zenzero all’incirca per 15-20, finché non acquisteranno un bel colore dorato.

Una volta cotti li cospargiamo di zucchero a velo (se preferite potete sbizzarrirvi con le decorazioni di zucchero cioccolato ecc. a vostra scelta).

Essere vegan è il futuro, per l’ambiente, il mondo e la salute

http://www.veganhome.it/diventare-vegan/salute-ambiente/

Il futuro per l’ambiente

Il futuro, già a breve termine, non consentirà consumi di carne (pesce compreso), latte, uova pari a quelli attuali, perché, semplicemente, non ci sono abbastanza risorse sulla Terra per permetterlo.

Sono ormai sempre di più gli studiosi che denunciano con articoli ben circostanziati – sia su riviste tecnico-scientifiche che divulgative – che uno dei modi più potenti di proteggere l’ambiente è quello di cambiare modo di mangiare, tornando a modelli più tradizionali e diminuendo quindi drasticamente il consumo di carne e altri alimenti di origine animale (latte, uova), la cui produzione è estremamente dispendiosa in termini di risorse (terreni, energia, acqua) e di inquinanti emessi (gas serra, sostanze chimiche, liquami ad alto potere inquinante).

Animali come macchine: del tutto inefficienti

Per comprendere i motivi dell’impatto sull’ambiente occorre notare che gli animali d’allevamento sono “fabbriche di proteine alla rovescia”.

Infatti gli animali d’allevamento consumano molte più calorie, ricavate dai vegetali, di quante ne producano sottoforma di carne, latte e uova: come “macchine” (così sono ormai considerati nella moderna zootecnia, anche se macchine di certo non sono) che convertono proteine vegetali in proteine animali, sono del tutto inefficienti. Il rapporto di conversione da mangimi per gli animali a “cibo” per gli umani varia da 1:30 a 1:4, a seconda della specie animale. Vale a dire: per ogni kg di carne che si ricava da un animale, lo stesso animale deve mangiare mediamente 15 kg di vegetali, appositamente coltivati. Questo causa uno spreco enorme di terreni fertili, energia, acqua, sostanze chimiche.

Alcuni dati:

Spreco di acqua – il settimanale Newsweek ha calcolato che per produrre soli 5 kg di carne bovina serve tanta acqua quanta ne consuma una famiglia media americana in un anno. Nell’agosto 2004 si è tenuta la consueta “Settimana Mondiale dell’Acqua”, a Stoccolma, durante la quale gli esperti hanno spiegato che le riserve d’acqua non saranno sufficienti a far vivere i nostri discendenti con la stessa dieta oggi imperante in Occidente e hanno affermato che sarà necessario ridurre il consumo di alimenti di origine animale.

Spreco di energia – le calorie di combustibile fossile spese per produrre 1 caloria di proteine dalla soia sono pari a 2; per il grano, servono 3 calorie, per il latte 36, per il manzo 78. (Fonte: “Eenergy and land constraints in food protein production”, Science, Nov 21, 1975)

Inquinamento da deiezioni – in USA è stato calcolato che le deiezioni – cioè gli escrementi – provenienti dagli allevamenti intensivi inquinano l’acqua più di tutte le altre fonti industriali raggruppate. (Fonte: Envinromental Protection Agency 1996)

Abbattimento delle foreste – circa il 70% delle foreste tropicali abbattute, sono abbattute per far posto a pascoli per bovini. Dopo 5-6 anni l’area si desertifica, e viene abbattutta un’altra porzione di foresta. Nel 2003 c’è stata una crescita del 40% della deforestazione nella foresta amazzonica brasiliana rispetto all’anno precedente, per far posto a nuovi pascoli (Fonte: Rapporto del CIFOR, Centro per la Ricerca Forestale Internazionale, 2004).

Per approfondimenti: Panel “Impatto ambientale” a cura del Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione (NEIC).

Il futuro per il mondo

Gli sprechi di vegetali, terreno, energia, acqua, pesano soprattutto sui paesi più poveri, e “rubano” le loro risorse.

Il Brasile conta 16 milioni di persone malnutrite. Ed esporta 16 milioni di tonnellate di soia per mangimi animali – 1000 kg di soia l’anno per ogni individuo malnutrito! (Fonte: Database FAO 2001)

In Messico, milioni di persone soffrono di denutrizione cronica. Nel 1960, il bestiame consumava il 5% dei cereali prodotti. Nel 2003, il 45%. Allo stesso modo, per l’Egitto si è passati dal 3% a 31%, per la Cina dall’8% al 28%. Quindi si usano i terreni, anziché per coltivare cibo per le persone, per coltivare mangimi per animali, con il conseguente spreco descritto sopra. (Fonte: Unimondo)

In organizzazioni come l’OMS e la FAO aumenta sempre di più la preoccupazione per l’impatto dell’allevamento industriale sull’utilizzo delle terre coltivabili e conseguentemente sulla possibilità o meno di nutrire il mondo in modo efficiente.

Esse affermano: “L’aumento del consumo di prodotti animali in paesi come il Brasile e la Cina (anche se tali consumi sono ancora ben al di sotto dei livelli del Nord America e della maggior parte degli altri paesi industrializzati) ha anche considerevoli ripercussioni ambientali. Il numero di persone nutrite in un anno per ettaro varia da 22 per le patate, a 19 per il riso fino a solo 1 e 2 persone rispettivamente per il manzo e l’agnello. Allo stesso modo, la richiesta d’acqua diventerà probabilmente uno dei maggiori problemi di questo secolo. Anche in questo caso, i prodotti animali usano una quantità molto maggiore di questa risorsa rispetto ai vegetali.”
[WHO/FAO, Diet, nutrition, and the prevention of chronic disease. Report of the Joint WHO/FAO expert consultation, 26 aprile 2002]

L’economista Frances Moore Lappè, ha calcolato che in un anno, nei soli Stati Uniti, sono stati prodotti 145 milioni di tonnellate di cereali e soia. Da questi 145 milioni di tonnellate di cibo sono stati ricavati solo 21 miloni di tonnellate di carne, latte, uova. Facendo la differenza, si ottengono 124 milioni di tonnellate di cibo sprecato: questo cibo, avrebbe assicurato un pasto completo al giorno a tutti gli abitanti della Terra! Con il solo spreco degli USA. (Fonte: Frances Moore Lappè, “Diet for a small planet”, New York, Ballantine Books, 1982, pp.69-71)

Per approfondimenti: Panel “Denutrizione e malnutrizione nel mondo” a cura del Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione (NEIC).

Il futuro per la nostra salute

Secondo l’Annuario statistico italiano 2007 dell’Istat, le maggiori cause di morte in Italia sono le malattie cardiache e i tumori. Solo questi due fattori sono la causa di quasi tre quarti delle morti che avvengono in Italia ogni anno (il 71,2%, per le precisione).

Eppure, sono anche i fattori più facilmente prevenibili con uno stile di vita corretto, la cui componente principale è una corretta alimentazione. Per quanto riguarda le malattie cardiache, esse sono spesso addirittura curabili, non solo prevenibili.

L’alimentazione ottimale per prevenire queste malattie (ma anche molte altre) è quella a base vegetale. Le linee guida del World Cancer Institute (l’Istituto Mondiale per gli studi sul Cancro) raccomandano testualmente di “prediligere diete basate su alimenti vegetali e comprendenti un’ampia varietà di verdura, frutta, legumi e carboidrati poco raffinati e, se si consuma carne rossa, di non consumarne più di 80 g al giorno”.

Da notare il “se”: il cibo su cui basare la nostra alimentazione è quello vegetale, il consumo di carne è “facoltativo”, ma se c’è non deve superare un certo limite. Questo limite MASSIMO è fissato a 80 g al giorno, il che significa 30 kg l’anno. In realtà in Italia si consumano pro capite 92 kg di carne l’anno (62 di carne rossa, 30 di altre carni), quindi oltre il triplo del limite massimo consigliato!

È chiaro dunque che una modifica delle abitudini alimentari verso una drastica diminuzione del consumo di alimenti animali e un drastico aumento di cereali, legumi, verdura e frutta è l’unica strada che può salvarci dalle “malattie del benessere”.

Lo stesso si verifica, in misura ancora maggiore, per le malattie cardiovascolari, che possono anche essere curate attraverso l’alimentazione. Negli USA vi è più di un esempio di progetti di successo basati su questo, che salvano la vita a moltissime persone.