Jota triestina in versione vegetariana

Tipico piatto che caratterizza la cucina triestina, si ritrova, sotto forma di varianti diverse, in un’area che comprende il Friuli e la Slovenia, ma la vera capitale e’ Trieste. L’ impiego di ingredienti poveri fa supporre, (fagioli bolliti e crauti), che sia nata come un modo per riutilizzare gli avanzi .

Per questa ricetta potete usare la pentola a pressione oppure il bimby così come per tutte le minestre a base di legumi.

Ingredienti:
Fagioli borlotti lasciati a bagno per una notte con l’alga kombu
4 patate grandi
1 carota
400 gr. di crauti
2 cucchiai di farina
aglio
dado vegetale
sale grosso
alloro
rosmarino
peperoncino

Preocedimento:
Metto l’olio nella pentola a pressione, unite aglio, carota e patate tagliate a pezzetti, mettete il dado e fate insaporire poi unite i fagioli scolati e sciaquati assieme all’alga che trito un pò. Unite poi  due cucchiai di farina e mescolate bene.
Sciaquate bene i crauti in acqua corrente e strizzateli, aggiungeteli alla minestra.
Ora mettete sale, alloro rosmarino e peperoncino.
Chiudete la pentola e dopo il fischio calcolo 45 minuti.

Al termine della cottura fate riposare, è ottima anche il giorno dopo, potete servire con crostini di pane.

Fonti e foto Google