Archivio mensile:ottobre 2013

Hallowen e buon appetito

Standard

Dal sito http://www.greenme.it Testo e immagini
Di Gloria Mastrantonio

Cari amici vegani potrete sostituire i latticini con i prodotti a base di soia o tofu, per i vegvege c’è la lista dei formaggi senza caglio animale.

image

Aperitivo: BloodyMary

Per iniziare un dolcissimo e “sanguinoso” Bloody Mary: succo di pomodoro condito con tabasco, limone, sale, pepe e vodka da accompagnare, se volete, con la torta di zucca della mamma con i funghi porcini, tagliata a cubetti.

image

Vellutata di zucca dolce con crostini al curry

..per aprire in modo molto soft i vostri festeggiamenti

Ingredienti ( per 4 persone)
1 zucca dolce (1kg)
1 cipolla
3 foglie di alloro
1 cucchiaio di miso d’orzo
4 gambi di prezzemolo
4 fette di pane integrale raffermo
3 cucchiai di olio extravergine
2 cucchiai di curry
1 cucchiaio di sale

Preparazione
Sbucciate e tagliate la zucca a cubetti. Lavate e asciugate il prezzemolo. Tagliate la cipolla a dadini. Portate ad ebollizione tre dita d’acqua. Versatevi la cipolla e scottatela con il sale per 5 minuti.
Aggiungete a questo punto la zucca e l’alloro. Ricoprite d’acqua il tutto. Portate di nuovo ad ebollizione e cuocete con il coperchio per circa 20 minuti.
Togliete le foglie dall’alloro e prendete mezzo bicchiere di brodo mettendolo da parte. Ora potete passare il tutto con il mixer o con un frullatore a immersione. Rimettete sul fuoco la crema ottenuta e aggiungete il miso sciolto nel mezzo bicchiere di brodo. Fate cuocere per 2 minuti.
Accendete il forno a 180°, tagliate il pane a dadini e mescolatelo con l’olio, il curry e un pizzico di sale. Tostatelo in forno per 10 minuti. Nel frattempo tritate finemente il prezzemolo.
Servite la vellutata con il prezzemolo tritato e i crostini.

image

Primo piatto: Bucatini cremosi di zucca, porri e gorgonzola
Ad una cena che si rispetti, a maggior ragione quella di Halloween, non può mancare un bel piatto di pasta

Ingredienti (dosi per 4 persone)

350 grammi di bucatini
250 grammi di porri
450 grammi di zucca
60 grammi di burro
30 grammi di gorgonzola
20 grammi di Grana Padano grattugiato
1 dl di panna fresca
2 dl di latte fresco intero
1 rametto di maggiorana
Olio extra vergine d’oliva
sale, pepe nero macinato

Preparazione

Tagliate la polpa della zucca a dadini, cuoceteli a vapore per 15 minuti e schiacciatene ¾ con una forchetta. In un tegame fate fondere 30 grammi di burro, unite poi la polpa di zucca schiacciata, il latte e la panna, salate, pepate e cuocete per 7-8- minuti circa, fino ad ottenere una crema abbastanza densa. Dopo aver pulito i porri, privateli della parte verde, della radice e delle foglie esterne più dure, tagliateli a rondelle e mettetele in un tegame con il resto del burro la maggiorana, sale e pepe. Fate cuocere il tutto a fuoco medio per circa 10 minuti, unendo, se necessario, un po’ d’acqua per impedire che il fondo di cottura si asciughi, e aggiungendo i dadini di polpa di zucca rimasti negli ultimi 2 minuti di cottura. Successivamente a fuoco già spento, unite il gorgonzola e mantecate. Nel frattempo lessate la pasta in abbondante acqua salata , scolatela al dente e versatela nella crema di zucca. Condite quindi bene la pasta in modo da amalgamare anche i sapori. Cospargete con il parmigiano grattugiato, guarnite con un filo d’olio extra vergine crudo e servite subito in tavola.

image

Secondo piatto: Gratin di zucca e patate

Questo gratin di zucca e patate, arricchito con mozzarella, è un saporito secondo ma anche all’occorrenza, un piatto unico perfetto per Halloween.
Ingredienti (per 4 persone)

1 kg. di patate
1,5 kg. di zucca
1 dado vegetale per brodo
1 cucchiaio di zucchero di canna
1 foglia di alloro
prezzemolo
sale grosso
1 mozzarella
1 cucchiaio di cumino in polvere
1 dose di besciamella (50 g burro, 50g di farina, 500ml di latte freddo, noce moscata, sale e pepe)

Preparazione

Pelate le patate e fatele bollire in acqua salata. Preparate del brodo usando il dado. Pulite la zucca, tagliatela a fette e fatela cuocere nel brodo aromatizzato con la foglia di alloro. Fermate la cottura delle patate e della zucca quando sono ancora croccanti.

Preparate la besciamella (fate sciogliere il burro in una casseruola a fuoco molto basso, incorporatevi la farina continuando a mescolare e facendo attenzione a non farle prendere colore. Aggiungete poi gradatamente il latte, aspettando prima di ogni aggiunta che il latte precedentemente versato sia stato assorbito senza grumi. Cuocete il tutto a fuoco molto basso, mescolando in continuazione, fino all’addensamento. Potete regolare la densità della salsa variando la quantità di farina e latte. Infine, fuori dal fuoco, regolate di sale, pepe e noce moscata.)

Preriscaldate il forno a 210 gradi, ed imburrate una pirofila. Tagliate le patate a fette.

Preparate il gratin facendo uno strato di zucca, poi uno di patate, quindi uno di mozzarella a fettine sottili, infine un velo di besciamella ripetendo il tutto per circa 5 volte. Terminate con uno strato abbondante di besciamella e spolverate con lo zucchero di canna. Cuocete per circa 20 minuti nel forno per far gratinare il tutto. Servite questo saporito gratin di zucca e patate caldo, decorando con qualche rametto di prezzemolo.

image

Cheesecake alla zucca con ragnatela

E per finire..il dessert che che ci siamo fatti consigliare dagli amici di GialloZafferano

Ingredienti
500 gr di crescenza
200 gr di zucchero
2 tuorli d uova
2 cucchiai di farina
1cucchiaino di cannella
½ cucchiaino di zenzero
300 gr di panna da cucina
3 cucchiai di succo di limone
250 gr di polpa di zucca
200 gr di biscotti secchi
100 gr di burro
100gr di cioccolato fondente
1 caramella al caffè

Preparazione
Amalgamate in una ciotola i biscotti secchi frullati e il burro con un cucchiaio e mezzo di zucchero, fino ad ottenere un impasto sbriciolato.

Mettete l’impasto nello stampo e pressatelo sul fondo creando un bordo sui lati. Mettete lo stampo in frigorifero per almeno 30 minuti.

Con un mixer amalgamate la zucca (precedentemente cotta a vapore) e il resto degli ingredienti, compresi zenzero e cannella, fino ad ottenere un composto omogeneo. Versatelo nello stampo e mettetelo in forno caldo a 190 gradi per 30 minuti.

Lasciate intiepidire il dolce prima di sfornarlo.

Quando la cheesecake di zucca si sarà raffreddata potete passare alla decorazione: fate sciogliere a bagnomaria 100 g di cioccolato fondente tritato e, con un cono preparato con la carta forno, disegnate sulla cheesecake una ragnatela con un piccolo ragno fatto con la caramella. Ora mettetela in frigo per almeno 3 ore. Se pensate che sia troppo difficile, qui trovate il video con le istruzioni passo passo.

Mangiamo colorato

Standard

http://www.nutrirsimeglio.it
Dottoressa Alessandra Obbili
Biologa Nutrizionista

image

Il colore degli alimenti

MANGIAMO COLORATO
Una caratteristica fondamentale di un corretto programma nutrizionale è la presenza di piatti multicolore. C’è molta differenza nel trovarsi davanti ad un piatto mono o bicolore (bistecca e insalata verde) ad una portata variopinta, l’umore cambia, si mangia più volentieri e l’alimentazione corretta non è più vista come una privazione, ma come la scoperta di nuovi e appetitosi piatti.
Può sembrare strano, eppure è così, come si suol dire: anche l’occhio vuole la sua parte; ma questo è soltanto uno dei tanti aspetti che si nascondono dietro il colore degli alimenti.
Il colore è vibrazione, assumerne nell’alimentazione una combinazione dei cinque colori è assolutamente terapeutico, stimolante e salutare.
Attenzione, il colore dei cibi è dato da specifiche sostanze dette phytochymichals che hanno particolari funzioni nel nostro organismo.

COLORE GIALLO- ARANCIO
A dare il colore antitristezza per eccellenza sono leutina e zeaxantina, due sostanze antiossidanti che rinforzano la vista. Gli alimenti giallo-arancio (limoni, pompelmi, arance, peperoni, melone, ananas, prugna gialla, banana, oli vegetali, mais, zucca, albicocca e pesca) sono più ricchi di vitamina C che rafforza le difese del sistema immunitario e ha un effetto depurativo su tutto l’organismo. Contengono inoltre carotene che protegge le cellule dall’invecchiamento. Secondo la cromoterapia, il giallo favorisce la concentrazione, la creatività e la digestione.
Consiglio: prendete l’abitudine di bere di mattino, a digiuno, un bicchiere d’acqua tiepida con una spremuta di limone.

COLORE ROSSO
È il colore della forza, antidepressivo, stimolante e usato contro molti disturbi dell’apparato respiratorio.
Pomodoro, fragola, prugna, ciliegia, peperone rosso, cocomero, mela rossa, arance rosse, anguria, barbabietola, ribes, peperoncino, ravanelli. La frutta e la verdura rossa sono ricche di Licopene e di antocianine che prevengono le malattie cardiovascolari, limitano lo sviluppo di tumori (è dimostrata l’azione specifica protettiva del Licopene sulla crescita del tumore alla prostata) stimolano le difese immunitarie ed i processi di guarigione della pelle, Il colore rosso stimola il metabolismo, riattiva tutte le funzioni dell’ultimo tratto dell’intestino facilitando l’eliminazione delle scorie e porta una ventata di energia alle ghiandole surrenali e al sistema nervoso autonomo.
Risultato: nell’organismo entra in circolo una maggiore quantità di noradrenalina, sostanza che fa lavorare meglio e più in fretta le cellule adipose, e quindi ha un’azione dimagrante, il licopene e antocianine, facilitano inoltre il drenaggio dei liquidi e la circolazione vascolare. Per questo i cibi rossi accelerano il sistema linfatico, la seconda via d’uscita delle scorie, dopo l’intestino. Si ha bisogno di questi alimenti quando ci si sente abbattuti o si hanno carenze di ferro, poiché l’ossido di ferro è notoriamente rosso. Gli alimenti rossi sono anche depurativi e, grazie al loro alto contenuto di potassio, rinnovano le energie vitali.
Consiglio: è meglio non abusare dei pomodori, alimenti acidi, ma alternarli ad altri ortaggi rossi, soprattutto nelle insalate estive. La classica caprese è un abbinamento di alimenti acidi: non è l’ideale per il buon equilibrio intestinale!!!!

COLORE VERDE
Il colore verde degli ortaggi è dato dalla clorofilla, è ricca di magnesio, che aiuta a regolare il metabolismo dei grassi e degli zuccheri. Il verde è il colore dell’equilibrio energetico, calmante disintossicante e persino antinfluenzale
Tutte le verdure e gli ortaggi di colore verde e legumi come piselli, fave, kiwi, spinaci, broccoli, asparagi, cetrioli, basilico, carciofi, prezzemolo, insalata verde, zucchine, sono ricchi di clorofilla, magnesio, selenio, carotenoidi, luteina, polifenoli e vitamina C che favoriscono il buon funzionamento del sistema vascolare e la conduzione degli impulsi nervosi. Il magnesio poi è fondamentale in numerosi processi enzimatici che intervengono nell’assorbimento del calcio del fosforo, del sodio e del potassio, minerali preziosi per irrobustire le ossa, i vasi sanguigni, la vista e i denti. Polifenoli e Vit C hanno un’azione antitumorale sulla crescita cellulare anomala, eccellenti depurativi del sangue, favoriscono il drenaggio linfatico e irrobustiscono il sistema cardiocircolatorio.

COLORE BLU – VIOLA
I cibi blu- viola, melanzane, broccoli, cavoletti, frutti di bosco, uva nera, radicchio, fichi, prugne, contengono le antocianine che contribuiscono a migliorare e proteggere la vista, la struttura dei piccoli vasi sanguigni i capillari e prevengono il deposito di colesterolo sui vasi, l’aterosclerosi e migliorano la funzionalità renale
Tra i prodotti del gruppo blu-viola, il ribes e il radicchio sono ottimi antiossidanti perché ricchi di vitamina C e protagonisti nella formazione della carnitina e del collagene. Il radicchio inoltre, come fichi, ribes, more e prugne, contiene il potassio che protegge il tessuto osseo e diminuisce il rischio di patologie cardiovascolari e l’ipertensione. Di magnesio sono ricche le melanzane povere invece di calorie.
I frutti di bosco, invece, curano la fragilità dei capillari e prevengono le infezioni del tratto urinario, sono amici di un intestino sano con la loro fibra solubile che regola l’assorbimento degli altri nutrienti e alimenta la flora microbica intestinale.
Ancora: nel blu-viola ci sono alimenti ricchi di fibra e di carotenoidi, attivi contro tumori, patologie cardiovascolari incluso l’ictus, cataratta, invecchiamento cellulare, patologie neurodegenerative e invecchiamento cutaneo.
Curiosità: il vino rosso deve il suo colore allo antocianidine. Durante l’invecchiamento, le antocianidine reagiscono con le molecole, incolori, ma amare, d’altri flavonoidi che costituiscono un tipo di tannino. La reazione rimuove i tannini e migliora il gusto del vino. Nei vini molto invecchiati, la stessa reazione porta invece alla rimozione delle antocianine rosse e lascia visibile il colore marrone dei tannini.
Consiglio: due dita di buon vino rosso di sera aiutano a star meglio (in assenza di patologie!)

COLORE BIANCO
Mela, sedano, pere, finocchi, porri, cipolle, funghi, cavolfiore sono dominati dal bianco dato dalla quercetina, sono ricchi di potassio, vitamina C, polifenoli, composti solforati e flavonoidi. Sono ricchi di fibre e sali minerali, permettono di rinforzare il sistema scheletrico le ossa e l’apparato cardiocircolatorio rendendo più fluido il sangue.
I porri, le cipolle e l’aglio contengono un particolare composto detto allucina potentissimo antiossidante. Tutti contribuiscono a ridurre naturalmente i livelli di colesterolo nel sangue
Questi alimenti svolgono una benefica azione sul sistema nervoso, sul cervello e sulle facoltà intellettive superiori. Alcuni alimenti in cui è presente questa vibrazione sono elencati per l’energia blu. I cibi che vanno dal viola all’indaco sono particolarmente ricchi di magnesio e di altri elementi fondamentali per le funzioni cerebrali.

Cachi: valori nutrizionali e proprietà

Standard

Grazie a http://m.my-personaltrainer.it/benessere/cachi-proprieta.html
Foto: Google Immagini

image

Soffice, carnoso e dolcissimo, il frutto del cachi simboleggia l’autunno, stagione “di passaggio” responsabile spesso di spossatezza e stress psicofisico; grazie agli interessanti valori nutrizionali e alle proprietà correlate, il cachi rappresenta un ottimo espediente per iniziare al meglio l’autunno.
Anzitutto i cachi sono considerati molto energetici: a tal proposito sono indicati a bambini, anziani e agli amanti dello sport. Inoltre, i frutti vantano proprietà lassative, diuretiche ed epatoprotettive.
Durante l’argomentazione, saranno esaminati attentamente dapprima i valori nutrizionali del cachi e la sua composizione chimica e, da ultimo, le proprietà fitoterapiche.

Analisi nutrizionale
Studiando le tabelle dei valori nutrizionali di diversi frutti, i cachi non rientrano certo tra quelli a basso tenore calorico: infatti, 100 grammi di cachi forniscono all’incirca 65-70 kcal (equivalenti a circa 272 kJ). L’acqua ne costituisce circa l’80%, gli zuccheri ben il 16-18%, mentre le fibre sono calcolate intorno al 2,5%, le proteine allo 0,6% e i grassi allo 0,3%.
Tra i sali minerali, il primato (in termini di quantità) spetta sicuramente al potassio (ca. 161-170 mg %), minerale che conferisce al cachi le spiccate proprietà diuretiche. Oltre al potassio, si ricordano anche il fosforo (20 mg %), il magnesio, il calcio ed il sodio; solo in tracce si ritrova il selenio ed il manganese.
Considerevole pure la quantità di vitamina C: è bene sottolineare che la quantità di acido ascorbico varia in funzione del grado di maturazione del frutto, variabile da 50 mg a 7 mg nel cachi molto maturo.
Il cachi è ricco anche di beta-carotene, precursore della vitamina A: si stima che 100 grammi di prodotto fresco apportino 1,4 mg di retinolo equivalenti. I pigmenti (licopene e xantine) agiscono sinergicamente con la provitamina A, potenziandone l’azione finale (antiossidante e possibile prevenzione dalle malattie cardiovascolari). [tratto da Terapie Complementari in Geriatria, di Enrica Campanini, Stefania Biondo]
Il cachi acerbo è miniera di tannini, ai quali sono ascritte le note proprietà astringenti: la tipica percezione di avere la “bocca legata” è dovuta proprio alla componente tannica. Durante la maturazione, la quantità di tannini si riduce fortemente, viceversa, gli zuccheri (fruttosio e glucosio) aumentano.

Proprietà del cachi
Come accennato nell’incipit, il cachi è un frutto piuttosto energetico per la cospicua quantità di zuccheri: a rigor di ciò, il consumo di cachi è sconsigliato per chi soffre di diabete o di obesità, ma raccomandato in caso di inappetenza, stress psicofisico e sport.
Il frutto del cachi dovrebbe essere consumato crudo: in questo modo, viene garantito un buon apporto in termini di vitamine e sali minerali, beneficiando del buon effetto vitaminizzante e rimineralizzante.
Per la presenza del potassio, il cachi è considerato un buon diuretico e depurativo, mentre il cospicuo contenuto in fibre rende il frutto un ottimo rimedio naturale contro la stitichezza (proprietà lassative).
Il cachi è consigliato anche in caso di disturbi epatici (virtù epatoprotettrici), emorragie (virtù astringenti ed emostatiche dei frutti immaturi) o cure antibiotiche responsabili di una compromissione della flora intestinale.
Ottimo rimedio naturale contro lo stress, il cachi è raccomandato anche in caso di stanchezza ed astenia.
Da ultimo, il cachi esercita un’importante attività protettiva nei confronti di milza, pancreas, stomaco ed intestino tenue.

Budino di Cachi con Frutti di Bosco
Autentica golosità, semplice e veloce da preparare, firmata da Alice, la personalcooker ufficiale di MypersonaltrainerTv. Il budino di cachi è il dessert ideale per allietare anche il palato più restio ad assaporare questi frutti ricchi di proprietà benefiche.

Cocamide Dea

Standard

Fonte: La Stella Vegana
image
E’ una sostanza cancerogena contenuta nei detergenti, vietata in tanti paesi, ma non in Europa!

La Cocamide DEA (o cocamide dietanolammide) è una dietanolammide prodotta per reazione degli acidi grassi estratti dall’olio di cocco con dietanolammina.
È un liquido viscoso utilizzato in cosmetica per la preparazione di agenti schiumogeni come shampoo, bagnoschiuma, saponi ed agenti emulsionanti.
Ha un elevato potere allergenico e può essere causa di dermatiti.

In California il laboratorio indipendente “Center for Environmental Health” di Oakland, ha effettuato dei test, riscontrando la sostanza illegalmente utilizzata in 100 prodotti per l’igiene che non avevano sull’etichetta, l’avvertimento richiesto dalla legge della California.

La Cocamide è vietata perchè è una sostanza classificata come “cancerogena” dall’ “Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro”, perchè a contatto con la pelle può formare nitrosamine, che si formano dalla combinazione di nitriti e ammine, e sono sostanze riconosciute come cancerogene.

Questo accade quando nei prodotti cosmetici, le amine si trovano accanto ad alcuni ingredienti nitrosanti.
Alcuni di questi sono:
2-bromo-2-nitropropane-1,3-diol;
2-bromo-2-nitro-1,3-propandiolo;
5-bromo-5-nitro-1,3-dioxane;
methyldibromo glutaronitrile.
In Europa, l’uso della cocamide è permesso ma con limiti ben precisi.

Purtroppo sono stati trovati livelli alti di Cocamide DEA in prodotti di marche che troviamo anche qui da noi:
Colgate, Palmolive, Bliss e Paul Mitchell.
Ancora più grave, che è stata trovata in prodotti biologici o per bambini.
Qui il link, dove potete trovare l’elenco dei 100 prodotti testati in California: http://www.ceh.org/news-events/press-releases/content/lawsuit-launched-testing-finds-cancer-causing-chemical-in-100-shampoos-haircare-products/

Il picco di cocamide presente in molti prodotti è di addirittura 10 mila ppm, e uno shampo aveva il 20% di cocamide al suo interno, cioè 200 mila ppm!!

Controllate bene le etichette dei prodotti che usate, perchè in Europa è ancora usata la Cocamide DEA, e soprattutto fate attenzione che non sia insieme a ingredienti che possono formare nitrosamine.

da HealtLine.com

Dieta depurativa

Standard

Di Patrizia Vaier
Immagini Google
Notizie reperite in rete

Ricordate che prima d’iniziare una qualsiasi dieta è consigliabile parlarne con il vostro medico di fiducia per un controllo generale del vostro stato di salute e se il medico lo riterrà opportuno valutate anche l’idea di un consulto con un medico specialista nutrizionista.

image

Non sempre l’organismo riesce a smaltire le tante tossine e questo può far verificare una condizione d’intossicazione che compromette la salute e il benessere del corpo e della mente, rendendoli più vulnerabili ai disturbi, alle malattie, al sovrappeso e alla cellulite.

L’accumulo di tossine è dovuto alla scelta di cibi ricchi di grassi e poveri di vitamine e minerali, ma anche ad uno stile di vita scorretto, allo smog e alle polveri inquinanti. Come depurare l’organismo?

Ecco le regole da seguire:

Consiglio il consumo di cereali integrali, ricchi di fibre che aiutano a mantenere l’intestino pulito ed hanno una buona azione disintossicante.
Aumentare il consumo di frutta e verdura fresca

Evitare vino e superalcolici

Bere molta acqua, almeno 2 litri al giorno, per favorire la diuresi e la depurazione dell’organismo

Attività fisica leggera, camminare per 30 minuti al giorno costantemente in un parco circondati dal verde è l’ideale.

Seguite la dieta per tre giorni consecutivi a settimana per almeno sei settimane, eliminerete scorie, tossine e adipe. Prendete l’abitudine di bere una tisana depurativa al termine dei pasti, calda oppure a temperatura ambiente ma mai fredda dal frigorifero.

I 4 giorni della settimana nei quali non seguite la dieta cercate di non assumere comunque cibi nocivi a prescindere, zuccheri e grassi vanno limitati sempre per il bene del nostro organismo.

Giorno 1°

Colazione

– Tè verde
– 3 gallette di mais
– 3 cucchiaini di marmellata di limone o arancia amara

Spuntino
– frutti di bosco

Pranzo
– 50 g di insalta belga con 2 cucchiaini di olio d’oliva saltata in padella
– 80gr di riso integrale, tostato in una casseruola con 2 cucchiai di olio d’oliva, unitevi del brodo vegetale in cui avrebte sciolto mezza bustina di zafferano e portate a cottura.

Merenda
– 1 fetta di ananas fresco

Cena
– 150 g di tofu alla piastra condito con poche gocce di olio evo, poco sale e limone
– 200 g di finocchi saltati in padella con 2 cucchiaini di olio di oliva
– 3 gallette di riso oppure di mais

Giorno 2°

Colazione
– Tè verde
– Macedonia con un kiwi, mezza mela e mezza banana
– 3 cucchiaini di miele

Spuntino
– 1 pera

Pranzo
– 50 g di insalata verde con 2 cucchiaini di olio evo
– 80 g di orzo cotto in casseruola con 2 cucchiaini di olio evo e 2 zucchine tagliuzzate

Merenda
– 1 budino di soia

Cena
– 120 g di seitan alla griglia condito a crudo con un cucchiaino di salsa di soia
– 200 g di cavolfiori
– 40 gr pane integrale 100% tostato

Giorno 3°

Colazione
– Un bicchiere di latte di soia con un cucchiaino di miele
– 1 mela
– 3 cucchiaini di confettura di mela cotogna

Spuntino
– 1 pompelmo rosa

Pranzo
– 150 g di cicoria in padella con 2 cucchiai di olio evo
– 80 g di pasta di farro semintegrale condita con salsa di pomodoro

Merenda
– 1 bicchiere di latte di riso con un cucchiaino di cacao in polvere

Cena
– 100 g di crema di lenticchie (lenticchie e carote cotte a vapore ridotti in crema con l’aggiunta di 3 cucchiai di latte di soia, un pizzico di Garam Masala,sale e olio evo)
– Broccoli scaldati con due cucchiai di olio evo
– 50 g di riso lesso o al vapore

Vivere felici è anche vivere veg

Standard

image

Di Patrizia Vaier
Immagini Google

Un giorno felice comincia da una colazione felice, senza alcuna sofferenza, di nessuno.
Non dimentichiamo però di alimentare senza sofferenza anche la nostra mente ed i nostri pensieri.
Siamo ciò che pensiamo.

Si proprio così, eppure.

Ci sono persone che della lamentela hanno fatto l’inno della propria vita e ne sono perfino fiere, le loro giornate sono piene di negatività, oserei dire che vivono alla costante ricerca del risvolto negativo in ogni circostanza. I loro visi trasmettono rabbia, rancore, astio verso il mondo intero. Per loro c’è sempre qualcosa che non va. Già dal mattino al suono della sveglia maledicono quell’attimo e incominciano la tiritera dell’uomo scontento ma contento di esserlo. Non è una contraddizione, ma uno che passa la vita a lamentarsi e non fa niente di concreto per porre fine al suo malessere quotidiano e costante, è felice della sua condizione. Non può essere altrimenti.

Perché non provare ad accettare il suggerimento di cambiare punto di vista e iniziare a guardare tutto quello che accade con positività e con il sorriso sulle labbra? Spesso quando provo a parlare in questi termini difronte a me s’innalza un muro impenetrabile di convenienza e comodità.
È difficile guardarsi dentro e capire che molto probabilmente siamo noi artefici del nostro vivere, è sicuramente più facile dare colpe e responsabilità ad altri. Indipendentemente dal tipo di problema troviamo sempre qualcuno a cui affidare la colpa del nostro malessere, spaziamo dalla suocera al capufficio, dai vicini di casa alla politica.
Non ci si ferma mai a pensare: “se qualcosa non va bene sono io a dover cambiare, perché è a me che non va bene”.

Dobbiamo imparare a prendere in esame le nostre vere priorità e lavorare su queste, cambiando la lista giorno per giorno, circondiamoci di belle persone e di belle cose, non è necessaria la ricchezza materiale per fare questo, è solo una scelta di vita, impegniamoci a trovare il bello in ognuno di noi.

Hare Krshna

La Stevia: zucchero a zero calorie

Standard

Del dottor Giacomo Bo
http://www.riflessioni.it

image

Viene dalle montagne del Brasile e del Paraguay, ha una capacità dolcificante naturale che è di centinaia di volte superiore a quella dello zucchero, non contiene calorie. Si tratta della Stevia, pianta da pochi mesi entrata in commercio in Italia grazie all’autorizzazione dell’Unione Europea (luglio 2012). Scopriamo quindi le proprietà del succo dolce delle sue foglie!
Anzitutto si tratta di una piccola pianta perenne, che appartiene alla famiglia delle Compositae o Asteraceae, arriva dal sud America e ha un’enorme capacità dolcificante. I principi attivi sono lo stevioside, il rebaudioside A, il rebaudioside C, la dulcoside A. La pianta dolcificante è nota proprio come stevia rebaudiana, da Rebaudi, lo scopritore delle sue proprietà edulcoranti. In natura sono state infatti descritte più di 150 specie di stevia, ma la rebaudiana è l’unica ad avere anche importanti proprietà dolcificanti.
I principi attivi edulcoranti si estraggono principalmente dalle foglie seccate e disidratate. A seconda della modalità di impiego può risultare più o meno dolce: la stevia si può consumare sia in foglie fresche che secche o anche in polvere, sotto forma di estratto disidratato, una polverina bianca, o concentrato liquido.
La stevia rappresenta dunque un nuovo modo di dolcificare bevande e alimenti. Contrariamente allo zucchero o al altri dolcificanti, però ha il vantaggio di non possedere alcuna caloria, di non alzare il livello glicemico nel sangue (quindi è perfetta per i diabetici) e di essere utilizzabile anche ad elevate temperature, quindi di essere anche un ottimo ingrediente nella preparazione di torte e dessert, oltre che per edulcorare bevande calde e fredde. Inoltre la stevia, non avendo zuccheri, non concorre nella formazione della placca e delle carie dentali.
La stevia è anche una medicina; le prime attestazioni d’uso di questa pianta risalgono ai curanderos sudamericani e agli indigeni Guaranì che la chiamavano Ka’a he’é (erba dolce) e la utilizzavano sia per dolcificare l’amaro tè del Paraguay, il noto mate, che per masticarla o per fare impacchi sulla pelle. Le proprietà della stevia si sono poi presto diffuse in tutto il sud America. In medicina la stevia è impiegata anche oggi, in particolar modo per chi soffre di glicemia, per la cura della pelle (efficace contro acne, disidratazione, rughe e inestetismi cutanei) e nel trattamento dell’ipertensione. Viste le sue proprietà, può anche essere efficace per fronteggiare il diabete, il sovrappeso e altri disturbi simili connessi con il consumo degli zuccheri. Esistono controindicazioni? In realtà non sembrano essercene molte. Se viene assunta in dosi molto più elevate rispetto a quelle usate per dolcificare, può essere causa di ipotensione o ipoglicemia. Per il resto non si conoscono altre controindicazioni.
Come mai allora se questa pianta è così straordinaria la scopriamo solo oggi? Perché finora il suo utilizzo è stato vietato a livello comunitario con la giustificazione che la piccola piantina e il processo di produzione del suo zucchero, ancora ad oggi (dopo decenni di studi) non hanno superato i dovuti test sanitari. Questo appariva paradossale visto i centinaia di studi che provano la pericolosità degli zuccheri tradizionali. Le giustificazioni, di ordine burocratico, dietetico e sanitario, sono state tali da far si che il processo di commercializzazione abbia incontrato notevoli ostacoli, rimanendo a lungo chiuso nei cassetti di qualche alto funzionario della Commissione Europea a Bruxelles. Ed è facile capirne il perché: l’Unione Europea è il maggiore produttore e consumatore al mondo di zucchero da saccarosio e aspartame: la media di consumi europea è di 36 kg a persona (con punte massime di 45 kg in nazioni come il Belgio e l’Irlanda), contro i 21,5 kg di consumo per persona nel resto del mondo. In Italia la media è di 25,5 kg. Un alto consumo degli zuccheri della pianta Stevia avrebbe sgradevoli effetti sul mercato dei dolcificanti artificiali e dello zucchero, tanto da minacciare le grandi lobby chimico-farmaceutiche europee.
Dove la possiamo reperire? Ormai i vivai si stanno attrezzando e sicuramente nei prossimi mesi la troveremo a pochi euro in vasi da coltivare in proprio. E’ una pianta perenne per cui basta aver cura di innaffiarla e di ripararla in casa in inverno perché non sopporta i geli. Le foglie possono essere consumate fresche (ad esempio per dolcificare le bevande calde) oppure fatte seccare d’estate e poi utilizzate tutto l’anno.