Mangiare meno bistecche per salvare più lupi e orsi

http://www.greenme.it
Di Roberta Ragni

image

Avete mai pensato che mangiando la vostra bistecca contribuite alla morte della fauna selvatica e alla perdita della biodiversità? Una nuova campagna lanciata dal Center for Biological Diversity punta a rendere le persone più consapevoli della connessione tra mangiare carne e la salute di animali selvatici come lupi e orsi in via di estinzione.

L’iniziativa, denominata “Take Extinction Off Your Plate”, “Tieni l’estinzione fuori dal tuo piatto”, mostra come proprio la produzione di carne sia una delle principali cause di degrado ambientale a livello globale, e che per mangiare carne stiamo contribuendo alla morte di predatori e animali da pascolo selvatici. Un dato su tutti: la produzione di carne bovina, suina, di pollame e di altre carni è triplicata tra il 1980 e il 2010 e probabilmente raddoppierà ancora entro il 2020.
Questo crescente consumo di carne in un mondo con oltre 7 miliardi di persone sta già facendo sentire impressionante effetti su fauna, habitat, risorse idriche, qualità dell’aria e clima. Lupi, alci, orsi, cani della prateria e numerosi altri animali selvatici “pagano il prezzo della produzione di carne”, sottolinea il Centro.
Alcuni vengono uccisi perché predano vacche; altri muoiono in massa per fare spazio alle operazioni agricole; tutti sono messi in pericolo da inquinamento e emissioni di gas serra che aggravano il cambiamento climatico. Anche il pascolo arreca danni indicibili, degradando habitat erbosi e distruggendo la vegetazione.

Che fare? Per ridurre il nostro consumo di carne, possiamo tenere, appunto, l’estinzione fuori dai nostri piatti (e migliorare la salute nostra, insieme a quella di tutto il pianeta), recita la campagna per una dieta eco-compatibile. E anche se è difficile che il mondo diventi presto interamente vegetariano o vegano, anche riducendo sensibilmente la quantità di carne che ogni persona consuma potrebbe alleviare la pressione sulla fauna selvatica. D’altronde gli animali non sono gli unici esseri viventi con un futuro a rischio. A essere a rischio è la nostra stessa sopravvivenza.

Burger di lenticchie

http://www.greenme.it

Per 4 burger:
180 grammi di lenticchie verdi secche
Olio extravergine d’oliva
Origano tritato
Salvia fresca
Pangrattato
Sale
Pepe

image

Le lenticchie verdi non necessitano di ammollo prima di essere cotte, quindi potrete procedere direttamente con il lessarle per circa 20-25 minuti in acqua non salata, accompagnate da alcune foglie di salvia, che oltre ad insaporirle le renderanno ancora più digeribili. Una volta che le lenticchie saranno pronte, scolatele e frullale nel mixer incorporando anche le foglie di salvia utilizzate nella cottura ed aggiungendo un cucchiaino di origano tritato, un cucchiaio di olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Frullate il tutto e trasferite il composto ottenuto in una ciotola. Iniziate con l’aggiunta di un cucchiaio di pangrattato e mescolate. Aggiungetene ancora due o tre cucchiai fino ad ottenere un composto facilmente lavorabile con le mani. Foderate una teglia con carta da forno, formate con le mani delle palline e disponetele su di essa, schiacciandole fino ad ottenere la forma e lo spessore desiderato per ognuno dei vostri burger. Cuocete in forno a 180°C per 20 minuti e servite.

Google immagini

Rigatoni con melanzane e zucchine

image

Per preparare questa ricetta ci servono 160 grammi di pasta, una melanzana non troppo grande, due zucchine, 3 pomodori maturi, un cipollotto, un po’ di panna di soia, in base ai nostri gusti, un cucchiaino di paprica dolce, olio, sale e pepe.

La prima cosa da fare è tritare il cipollotto riducendolo in pezzi molto piccoli. Prepariamo un soffritto con l’olio extravergine di oliva. Dopo qualche minuto aggiungiamo la melanzana e le zucchine, i pomodori, ovviamente spezzettando tutto. Facciamo cuocere a fuoco basso.

Intanto mescoliamo insieme la panna di soia e la paprica. Quando le verdure saranno quasi pronte, aggiungiamo la salsa preparata e lasciamo cuocere ancora per qualche minuto. Aggiungiamo sale e pepe e serviamo insieme alla pasta.
Ricordiamo che con le verdure possiamo realizzare delle ottime ricette vegan.

Google immagini