German Circus Replaces Live Animals With Cruelty-Free Holograms

Diritti riservati http://www.care2.com – Brianna Lynne

Circo.jpg

 

Circus Roncalli in Germany recently unveiled a stunning and innovative act featuring computer-generated holograms of wild animals. The act — brought to life by projectors, lasers and lenses — is not only enchanting to watch, but also completely cruelty-free.

Circuses have been entertaining people throughout the world for centuries, but they’ve recently come under scrutiny for their treatment of the animals used in their shows. The failure of the circus industry to effectively address these concerns has resulted in dwindling ticket sales.

Circus acts commonly feature wild animals, including elephants, tigers and camels. While in the wild, these species traverse vast ecosystems where they can express their natural behaviors. But in the circus, they are forced to live in captivity and be carted from show to show.

According to PAWS, circus animals spend almost 96 percent of their lives in chains or cages. Many animals have minimal stimulation. And highly social species, such as elephants, may be isolated from conspecifics. This deprivation can have serious deleterious effects on the mental well-being of animals, who often display signs of distress while in the circus.

When the animals are performing, they may be forced to do demeaning tricks that treat these majestic species as props for human entertainment. The tricks, such as having elephants perform handstands, are far outside the animals’ normal behavior.

To get the animals to complete these tricks, cruel training tools — such using bullhooks, whips and rods — may be used. Undercover investigations have revealed instances of circus staff repeatedly hitting elephants, as well as whipping a tiger 31 times in less than two minutes.

In recent years, public sentiment has shifted as more people have become aware of the cruelty circus animals endure. A 2019 poll found only 30% of people believe circus animals are treated well, and over 50% support the prohibition of wild animals in circuses.

Bans on circus animals have been popping up in the United States at the local and state levels. In 2018, New Jersey became the first state to ban the use of wild animals in traveling acts. At the city level, both Los Angeles and New York City have also banned using wild animals in circuses.

The circus industry has been slow to adapt to concerns over animal welfare. Ringling Bros. closed down in 2017 due to declining ticket sales — likely a result of changing attitudes toward circus animals. Although Ringling Bros. stopped using elephants in its performances the previous year, the change was too small to salvage the company’s reputation.

The recent hologram animal act at Circus Roncalli illustrates how the industry can use ingenuity to keep the spirit of the circus alive without sacrificing animal welfare. Other circuses should follow suit. And soon they may need to if the Traveling Exotic Animal and Public Safety Protection Act — which would ban the use of wild animals in traveling acts — becomes law.

The circus is beloved throughout the world for its awe-inspiring acts showcasing people with incredible talents — from the tightrope walkers to the jugglers and trapeze artists. But if the industry does not evolve past animal cruelty, the shows may soon be closing their door.

Main image credit: sArhange1/Getty Images

Vegea, la startup che trasforma gli scarti del vino in tessuti

Diritti riservati – businessweekly.it

vegea

Arrivano dalle startup le idee che fanno bene all’ambiente. Ne è un esempio Vegea la startup italiana vincitrice del contest Chivas 2019. Vegea sviluppa ed ingegnerizza tecnologie e processi basati sull’ utilizzo di biomasse. In particolare valorizza gli scarti dell’agroindustria – e soprattutto gli scarti del vino – incentivando l’utilizzo di risorse rinnovabili, in alternativa alle risorse fossili.

Il tessuto che nasce dagli scarti del vino

Il suo progetto Vegea Textile in particolare si focalizza sulla produzione di tessuti tecnici bio-based derivanti da materie prime vegetali e residui dell’industria vitivinicola. La vinaccia, una materia prima 100% vegetale composta dalle bucce, i semi e i raspi del grappolo d’uva da vino che rimangono dopo la produzione del vino, diventa la materia prima per un tessuto ‘vegano’, Un materiale a basso impatto e cruelty-free per il settore della moda, dell’arredamento e dell’automotive.

La startup sfruttando gli scarti del vino fornisce così una risposta anche alle criticità del settore moda che ha un impatto ambientale molto forte. La sola produzione di tessuti sintetici utilizza a livello globale oltre 100 milioni di tonnellate di oli. I tessuti Vegea riducono il consumo di questi oli e di C02, per proteggere l’ambiente e combattere il Global Warming.

La startup trentina si è recentemente classificata (unica italiana) tra le cinque finaliste del contest Chivas 2019. Il contest giunto alla quinta edizione premia l’innovazione e le soluzioni sostenibili in diversi settori di business, con l’obiettivo di creare un impatto positivo sia sull’ambiente sia sulla società.

 

essereanimali.org

Tutti i diritti appartengono a essereanimali.org

Il nostro messaggio di Pasqua: salvarli tutti!

Ogni anno con la Pasqua arriva anche un triste destino per centinaia di migliaia di agnelli.

Purtroppo la tradizione vuole che questo animale sia considerato un piatto forte sulle tavole degli italiani.

In questi anni per sensibilizzare le persone e far diminuire questo consumo abbiamo realizzato molte iniziative e persino 3 diverse indagini dentro i macelli di agnelli.

Quest’anno invece abbiamo pubblicato un nuovo terribile video con immagini che ci sono state date direttamente da un ex lavoratore di un macello. Si tratta di agnelloni, con qualche settimana in più degli agnelli, ma ben poco cambia nelle loro sofferenze.

Il video è molto forte, per questo lo abbiamo parzialmente oscurato e non te lo mettiamo visibile qui nella mail. Lo trovi a questo link, se vuoi condividerlo o farlo vedere a persone che hanno bisogno di vedere e conoscere.

Qualcosa sta già cambiando

I dati parlano chiaro: il consumo di agnello per Pasqua è in calo continuo, anno dopo anno.

Sempre più persone provano empatia per questi piccoli cuccioli e stanno facendo la loro parte.

Dal 2008 al 2018 gli agnelli macellati in Italia in un anno sono passati da quasi 5 milioni a poco più di 2 milioni.
Un calo del 45% in meno in 10 anni!

Oggi si stima inoltre che per Pasqua ben 7 famiglie italiane su 10 non portano più l’agnello a tavola.

Patrizia questo vuol dire che le persone sono molto più consapevoli e il messaggio sta passando: le tradizioni si possono cambiare.

Scegli il tuo menù veg per queste feste!

Per stare in compagnia, mangiare bene e festeggiare, non c’è bisogno di avere carne di agnello o altri animali sul piatto… bastano solo la fantasia e la voglia di sperimentare tra i colori e i profumi della primavera!

Se hai bisogno di alcuni consigli e di scoprire nuove idee, abbiamo riassunto per te due possibili menù di Pasqua in questa pagina.

Scopri due menù per la tua Pasqua
Patrizia gli animali negli allevamenti destinati alla produzione di carne, latte e uova sono quelli più sfruttati, uccisi in numero maggiore e meno tutelati.

Ma un crescente numero di persone si sta interessando anche di loro, si sta informando e sta cambiando le proprie abitudini, prendendo parte a un cambiamento che è forse lento, ma che sarà inarrestabile.

E tra le persone che stanno creando un futuro migliore ci sei anche tu.

Grazie per essere dalla loro parte!
Il team di Essere Animali

Anche il Governo vuole vietare la triturazione di pulcini vivi

Diritti TIO.CH

Vietato uccidere!

l_-anche-il-governo-vuole-vietare-la-triturazione-di-pulcini-vivi-g4il

 

L’attuale ordinanza lo permette. Ma se la velocità delle lame non è regolata correttamente, alcuni possono sopravvivere dopo aver subito gravi mutilazioni

BERNA – La triturazione di pulcini vivi deve essere vietata in Svizzera. Il Consiglio federale sostiene una mozione in tal senso della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. La sua risposta, pubblicata oggi sul sito del Parlamento, non contiene alcun commento.

L’attuale ordinanza (articolo 178a capoverso 3) permette l’omogeneizzazione dei pulcini, o in altri termini la triturazione di quelli vivi. «Ma se la velocità delle lame non è regolata correttamente, alcuni possono sopravvivere dopo aver subito gravi mutilazioni», deplora la commissione.

A suo avviso, tale ordinanza non rispetta l’obiettivo della legge sulla protezione degli animali, che è quello di tutelare la loro dignità e il loro benessere. «Ci si può inoltre chiedere se sia eticamente accettabile uccidere un pulcino soltanto perché è maschio e discende da galline ovaiole», scrive la commissione nel suo testo.

Dopo Tesla, anche Audi propone la sua auto “vegan”

Sostenibilità e interni cruelty free: ecco le nuove auto dei prossimi anni

(Diritti: http://www.osservatorioveganok.com)

Audi Vegan

La crudeltà verso gli animali non risulta essere nell’elenco degli accessori di nessun modello di auto eppure, quando si acquista un veicolo nuovo, i sedili, il cambio e il volante in pelle, sono parte del prodotto.

Per fortuna, la crescente richiesta di prodotti sostenibili e cruelty free, sta influenzando anche questo mercato e ci sono già le prime auto che nascono proprio con l’intento di rispondere a questa esigenza di consumo.

Molti consumatori sono attratti dalle auto elettriche per le loro incredibili prestazioni e anche perché rappresentano una scelta più rispettosa dell’ambiente. In tema di sostenibilità, diventa importante anche la selezione dei materiali utilizzati per la produzione. Ci sono due marchi in particolare che hanno puntato sul claim “vegan”.

Il gigante Audi ha presentato una concept car elettrica vegana al recente salone automobilistico di Los Angeles: l’auto si chiama e-Tron GT.

Si tratta di una coupé a 4 porte ed è stata realizzata in collaborazione con Porsche, con una particolare attenzione alla sostenibilità e a tutto ciò che è eco-compatibile.

  • Interni realizzati con fibre riciclate
  • Tappeti realizzati con reti da pesca riutilizzate
  • Powertrain elettrico AWD da 590 cavalli
  • Una batteria da 90 kW che può funzionare per 250 chilometri con una singola carica

“I prodotti a base animale non sono affatto utilizzati: il concept Audi e-tron GT è dotato di interni vegani. Sofisticata pelle sintetica viene utilizzata sui sedili e altre superfici di rifinitura. I tessuti realizzati con fibre riciclate vengono utilizzati sui cuscini di seduta, sui braccioli e sulla consolle centrale. Il materiale in microfibra adorna il rivestimento interno e quello dei montanti dei finestrini. Anche la tappezzeria è realizzata in filato Econyl sostenibile, una fibra riciclata ricavata da reti da pesca usate.” Audi

L’auto è stata sviluppata per competere con il modello S di Tesla, adatto ai vegani. Audi inizierà la produzione nel 2020, con l’intenzione di aggiungere 12 nuovi modelli di auto elettriche alla sua linea di produzione entro il 2025.

Elon Musk infatti, CEO di Tesla, è stato il primo a proporre un’auto sostenibile utilizzando il claim “vegan”.

Durante un evento al Computer History Museum di San Jose, in California, Elon Musk ha assicurato che l’attesissima auto imminente Model Y-Tesla, il primo crossover della società, sarà completamente leather free. L’uscita è prevista per Marzo 2019.

Musk ha dichiarato:

“Il modello Y non avrà alcuna pelle, incluso il volante, ammesso che il nuovo modello abbia un volante”.

Nel tentativo fondante di Tesla di “accelerare la transizione del mondo verso l’energia sostenibile”, la società di auto elettriche ha diminuito il suo uso dell’incubo ecologico noto come pelle per i suoi interni e ora offrirà solo sedute vegan ai consumatori.

Smettiamola di mangiare carne: neanche quella artificiale salverà il pianeta

DIRITTI RISERVATI LEONARDO CAFFO/L’ESPRESSO NETWORK REPUBBLICA

Produciamo 50 miliardi di animali all’anno per fini alimentari. Con gravi problemi per l’ambiente. la bistecca in vitro potrebbe essere il futuro. Ma basterà?

DI LEONARDO CAFFO – febbraio 2018
Smettiamola di mangiare carne: neanche quella artificiale salverà il pianeta

Si fa presto, troppo presto ormai, a dire “carne”. Nel 1931, in un profetico articolo sul The Strand Magazine, Winston Churchill scrisse che prima o poi saremmo sfuggiti «all’assurdità di far crescere un pollo intero, solo per mangiarne il petto o l’ala, facendo crescere queste parti separatamente in un ambiente adatto». È questa la possibilità intrinseca offerta dalla carne artificiale o, come è meglio conosciuta, dalla carne in vitro: un prodotto di carne animale, dunque non qualcosa che imita la carne (come le bistecche di soia, per intenderci), ma che non è mai stato parte di un animale reale. Ci sono i tecnicismi realizzativi che sono importanti, tipo come si prelevino e nutrano le cellule muscolari che stanno alla base della coltura della carne, ma il punto più rilevante è cosa renda la carne sintetica così davvero interessante anche concettualmente.

* * *

L’etica, prima di tutto, perché è un modo di affrontare l’ormai diffuso dilemma del mangiare o meno animali non in modo privativo, come fanno i vegetariani (non mangiare questo o quello), ma in modo “tecnologista” (mangia ancora questo ma fallo attraverso il processo X e non il processo Y); poi c’è l’ambiente, dato che Nato e Nasa hanno recentemente confermato che l’emissione di Co2 più lesiva per l’ambiente deriva dagli allevamenti intensivi che potremmo eliminare con un’ampia produzione di carne in vitro, e infine c’è l’economia, perché pare che la carne coltivata potrebbe diventare competitiva nei costi di produzione e vendita rispetto alla carne tradizionale nel giro di soli dieci anni. È detto da più parti, a titolo di esempio basti pensare alla straordinaria inchiesta di Martín Caparrós pubblicata da Einaudi nel 2015 con il titolo “La fame”, ma bisogna comunque ricordare che il modo con cui gestiremo il problema globale dell’alimentazione nei prossimi anni coinciderà, probabilmente, col più ampio problema dell’ecologia, del futuro di Homo Sapiens sul pianeta, e ancora più precisamente sul peso che le economie emergenti di India o Cina eserciteranno sommandosi a quelle occidentali nella produzione di alimenti che prima non erano nelle loro diete.

* * *

Ciò che non si dice, ma che segue logicamente da quanto appena detto, è il problema più grande nella gestione delle risorse future riguarda quanto saremo in grado o di cambiare radicalmente alimentazione e meccanismi di produzione conseguenti o continuare ad alimentarci come prima modificando invece le tecnologie realizzative. Il modo in cui la carne arriva nei nostri supermercati ha radici antiquate e inizia almeno con la costruzione del primo grande mattatoio industriale, le Union Stock Yards a Chicago nel 1865, e da allora il sistema non solo non si è modificato ma si è addirittura amplificato: la produzione di circa cinquanta miliardi di animali l’anno per fini alimentari è la causa basilare di un massacro lento, ma adesso evidente, di ambienti, economie, biodiversità.

* * *

In filosofia si discute da circa un trentennio di come l’essere umano debba immaginare se stesso in futuro, e il suo rapporto con i limiti che emergono, attraverso un meccanismo di azione tecnologica o di deviazione generale dei comportamenti ordinari e diffusi. Il primo approccio è noto come “transumanesimo” il secondo, un po’ più complesso, come “postumanesimo”: l’idea, nomi difficili a parte, però è semplice; se in un caso, il primo, si ipotizza che la tecnologia possa se ben usata sempre e comunque salvarci dai limiti che incontriamo nel corso della nostra evoluzione, gestione del cibo compreso, nel secondo approccio ciò che si ipotizza è che la soluzione stia nello schiacciare il freno e non l’acceleratore. La produzione di carne artificiale, oltre ad avere comunque ancora dei problemi etici che riguardano l’animale di partenza da cui le cellule andranno clonate ha anche il problema, estetico diciamo, di dover costringere a mangiare essenzialmente un prodotto totalmente di laboratorio; ma il dubbio più grande nei suoi riguardi è che si trovi a una fase talmente iniziale e germinale nella sua concezione che rischia di non avere il tempo necessario per affrontare l’enorme problema verso cui andremo in contro.

* * *
Secondo le analisi del World Population Prospects delle Nazioni Unite nel 2050 la popolazione mondiale passerà dagli attuali sette miliardi a una potenziale soglia di dieci miliardi: se non cambiano adesso, ovvero immediatamente, i modi attraverso cui gestiamo l’alimentazione allora i problemi citati lungi da essere risolti andranno amplificandosi. I grandi investimenti sulla carne artificiale tradiscono la preoccupazione generale ma l’approccio, visti i tempi che la ricerca potrebbe richiedere, rischia di essere sbagliato; e qui, ovviamente, torna il punto del postumanesimo: non bisognerebbe piuttosto individuare una soluzione nel cambio di rotta dell’attitudine generale? Il problema con quello che è stato maldestramente chiamato “animalismo” è che lo si è pensato soprattutto come un approccio etico radicale all’eliminazione della sofferenza degli animali: in parte è giusto, nel migliore dei mondi possibili gli animali non dovrebbero mai essere uccisi senza necessità, ma è evidente che bisogna tentare di inquadrare il problema in una cornice più ampia.

* * *

Recentemente ha inaugurato Fico, quartier generale bolognese di Slow Food ed enorme parco di sperimentazione alimentare, eppure facendosi un giro tra fattorie didattiche e alimenti costosissimi non si capisce come tutto ciò dovrebbe non dico risolvere, ma anche solo affrontare il problema globale dell’alimentazione, della malnutrizione, per non parlare dell’inquinamento da Co2. È l’economia, e affinché possa essere prodotta la carne pregiata venduta da Fico, si deve comunque avere la carne a basso costo per la grande distribuzione altrimenti si crea un insopportabile classismo gastronomico che assomiglia alla gestione dell’alta velocità ferroviaria: Torino – Milano è un tragitto di cinquanta minuti, se puoi permettertelo, altrimenti dura due ore.

* * *

L’ideale regolativo dell’alimentazione vegetale su ampia scala, nato effettivamente ai primordi come semplice attitudine etica contro lo sfruttamento animale, sembra invece arrivare dove vorrebbe arrivare la carne sintetica ma con largo anticipo: una potenziale riconversione industriale verso prodotti vegetariani, il dimezzarsi della Co2 immessa nell’ambiente, la fine della coltivazione ad ampia scala per mangimi animali e lo sfruttarsi delle coltivazioni direttamente per nutrire gli umani, una più semplice gestione della distribuzione alimentare su scala globale. È ancora Churchill, ma con circa ottant’anni di evoluzione morale e scientifica in più che mi consentono una parafrasi: «prima o poi sfuggiremo all’assurdità di far crescere un pollo intero, solo per mangiarne il petto o l’ala, facendo crescere alimenti vegetali che garantiscano a noi tutti un ambiente adatto». Certo, resta un problema: il gusto. La carne è più saporita degli alimenti vegetali, e la carne in vitro a questo problema può ovviare come niente al mondo: ma a parte la versatilità sorprendente dei nuovi alimenti vegetali, che come il Quorn consentono sapori prima impensabili, siamo sicuri di volerci assumere il rischio del collasso generale solo per il gusto di una bistecca al sangue?